La Redazione - Chi siamo - Dove siamo - Contatti - Mappa del sito - Registrati


delia

E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Lampedusa 11 giugno 2012 - E’ partito dall’aeroporto di Bologna il “volo della solidarietà” per i terremotati emiliani, grazie all'iniziativa promossa da LIVINGSTON, dal tour operator partner SOGNI NEL BLU e dalle aziende associate della delegazione di Lampedusa di Confindustria Sicilia Alberghi e Turismo.

Venerdì 8 Giugno il volo in programmazione con partenza da Bologna sulla destinazione Lampedusa non ha trasportato turisti, ma 120 persone tra anziani, studenti, bambini colpiti in questi giorni dal sisma.

Il progetto umanitario e sociale è sostenuto da un’iniziativa privata tra imprenditori espressi dalla compagnia aerea  Livingston di Riccardo Toto, il tour operator Sogni nel Blu e gli albergatori associati di Confindustria a Lampedusa che, con tempestività ed encomiabile spirito di concreta amicizia, hanno aderito alla richiesta d'aiuto proveniente dalle popolazioni colpite dal terremoto di questi giorni, ben consapevoli della “fratellanza” espressa dalla necessità, a Lampedusa come in Emilia, di far fronte alle ineludibili esigenze umanitarie e sociali.

“Tutti gli albergatori di Lampedusa vogliono esprimere la propria vicinanza alle persone che stanno vivendo il dramma del terremoto”, ha dichiarato Antonio Martello, tour operator di Sogni nel Blu. “ Il 40% del traffico italiano sulla destinazione è realizzato da turisti che arrivano proprio dalle zone che stanno soffrendo il dramma del terremoto e la popolazione di Lampedusa desidera dimostrare la propria solidarietà e offrire un periodo di vacanza e, soprattutto, di serenità a coloro che hanno perso molto durante queste ultime settimane”. Speriamo che questo piccolo gesto possa regalare spensieratezza a chi volerà a Lampedusa.

New Livingston è vicina alla popolazione emiliana e si mette a disposizione per qualsiasi iniziativa umanitaria e sociale.

Per Vincenzo Brignone, delegato responsabile di Confindustria Sicilia Alberghi e Turismo, “Lampedusa è stata sempre una delle mete predilette dagli Emiliani ed è proprio in un momento così delicato che gli albergatori dell’Isola offrono la loro abituale e riconosciuta ospitalità presso le strutture ricettive”.

Grande apprezzamento è stato espresso da Sebastiano De Luca, presidente regionale di Confindustria Sicilia Alberghi e Turismo, per il nobile gesto che dà lustro non solo agli albergatori di Lampedusa ma alla Si

Lo switch off in Sicilia è alle porte. Dall’11 Giugno fino ai primi di Luglio si spegnerà l’analogico per lasciare spazio al nuovo digitale terrestre. Cambia la qualità audio e video (che dovrebbe migliorare), aumenta l’offerta televisiva e i canali proliferano. Per gli editori questo causerà una frammentazione degli ascolti, quindi un calo degli introiti pubblicitari: basti guardare ai colossi Rai e Mediaset che adesso assieme totalizzano quello che una volta facevano da sole. Mediaset gestisce 11 canali mentre la Rai 15. Solo qualche giorno fa invece sono uscite le graduatorie definitive per l’assegnazione delle frequenze in Sicilia. Da sottolineare la grande battaglia vinta da Telejato, piccola tv comunitaria di Partinico, nota per la sua mission: contrastare la mafia grazie al telegiornale più lungo della storia, condotto dal giornalista Pino Maniaci, più volte minacciato anche con aggressioni fisiche oltre che atti intimidatori. Resisteranno anche tante altre piccole tv locali oltre che i grandi gruppi editoriali. A raggiungere il massimo del punteggio (100 punti) previsto dal Ministero dello Sviluppo Economico sono stati Trm, Il Tirreno Rete 1, E20 Sicilia, Ciak Telesud e Video 66, seguite poi da Antenna Sicilia. Sono rientrate, tra le altre, anche Telecolor, Sestarete, ReiTv, D2, Teletna, Antenna Uno, Video Regione, TvT, TgS e Tele One. Sarà necessario quindi dai prossimi giorni munirsi di un decoder o di un televisore con decoder integrato. E’ previsto un contributo di 50 euro solo a coloro che, in regola con l’abbonamento Rai e con un reddito pari o inferiore ai 10 mila euro, abbiano compiuto almeno 65 anni. Non ci sarà un nuovo canone né il tanto atteso beauty contest che avrebbe regalato frequenze nazionali ai grandi gruppi editoriali, Rai e Mediaset. Un solo regalino quindi per i colossi della televisione: le frequenze in Dvb-h saranno trasformate in frequenze per il digitale terrestre. Il beauty contest invece si è trasformato in un’asta di frequenze alla quale Mediaset potrebbe disertare mentre Sky è pronta ad estendere il suo dominio: ha registrato un incremento del +4%, nonostante gli abbonati siano in lieve calo, numeri giustificati dalla crisi economica che ha travolto tutto il paese. Adesso il pericolo per il digitale terrestre, oltre agli altissimi costi di cui dovranno farsi carico gli editori per l’acquisto delle nuove attrezzature, è che possano sorgere canali zeppi di repliche o di format dai contenuti e dalla qualità dubbia. L’Ue dovrebbe vigilare ed in caso revocare le frequenze. Sono ben 50 milioni gli apparecchi televisivi e addirittura 20 milioni le abitazioni che sono passate al digitale terrestre. Una vera e propria rivoluzione.

Fabio Giuffrida

Si è conclusa lo scorso 6 giugno a Villa Filippina la seconda edizione di “A Scuola d’Impresa”, il concorso cinematografico ideato, finanziato e realizzato da Confindustria Palermo e rivolto a tutte le scuole elementari e medie di Palermo e della provincia.

Sono stati in gara i cortometraggi realizzati dagli studenti dopo la loro visita all’interno di uno stabilimento.

Primo classificato il videoclip della scuola Borgese dopo la visita all’impresa Tecnozinco. Secondo classificato il clip della scuola Arculeo in visita alla Morettino, al terzo posto la scuola Vasi di Corleone in visita a Banca Nuova.

Un riconoscimento inoltre al video della scuola Gramsci all’azienda che produce la birra Forst, il cortometraggio più cliccato su www.youtube.com/confindustriapa, cioè sulla piattaforma di Confindustria Palermo su Youtube, il video della scuola Gramsci.

Ancora un premio speciale dalla giuria di Confindustria per il video della scuola Gabelli all’azienda Tutone.

La manifestazione finale si è svolta stamattina alla presenza di circa 2.500 tra studenti, insegnanti e imprenditori ed è stata condotta – come nella scorsa edizione - dal giornalista Alessandro Cecchi Paone.

I video sono stati valutati da una giuria composta da Cecchi Paone, dal giornalista del Sole 24 Ore Nino Amadore e dal provveditore agli Studi, Rosario Leone.

“L’iniziativa – sottolinea il presidente Alessandro Albanese - nasce da una riflessione: quello della provincia di Palermo è un territorio in cui stentano a consolidarsi la cultura industriale, l’idea di un futuro legato alla produzione privata e di un lavoro nell’impresa. Per diffondere la cultura d’impresa, per far sì che questa raggiunga le famiglie e le più giovani generazioni, non può esserci miglior canale della scuola. Attraverso il coinvolgimento delle scolaresche, la Confindustria di Palermo vuole incontrare e accogliere la città e la provincia nel suo cuore pulsante, che è quello della produzione e del lavoro delle sue imprese”.

I ragazzi sono stati ospitati all’interno delle imprese di Confindustria Palermo, e con i loro telefonini hanno filmato la visita. Poi hanno realizzato un cortometraggio.

I corti hanno l’obiettivo di raccontare una sorta di viaggio emotivo dei ragazzi tra la storia, la tradizione imprenditoriale e le avanguardie tecnologiche.

Francesco Badalamenti del Giornale di Sicilia ha consegnato il premio al terzo classificato. Fabrizio Lentini della Repubblica al secondo classificato. Leone Zingales della Sicilia al primo classificato. Il caporedattore della Tgr Rai, Vincenzo Morgante ha consegnato il premio per il video più cliccato su Youtube.

La Sicilia polo di Moda e Design

La Moda non deve più essere soltanto un’esclusiva delle passerelle milanesi: questa è la sfida del Madeinmedi che punta sulla creatività e sui talenti del Mediterraneo per rilanciare un settore, quello della Moda, che nella nostra Isola non ha mai avuto vita facile. Una settimana dedicata dunque al fashion e al design nel Mediterraneo con una location d’eccezione, quella della città di Noto, dichiarata Patrimonio dell’Unesco. Il calendario prevede eventi e mostre di grande rilievo fino al 10 Giugno 2012 che sono state arricchite anche da un Multicasting dal titolo “Are you ready”, un concorso che mira a ricercare giovani promesse del mondo della moda, del cinema e dello spettacolo che in Sicilia sono tanti, troppi, spesso nascosti e lontani dalle logiche che il sistema dello show business impone, basti pensare alle agenzia di spettacolo e moda che a Milano pullulano ma in Sicilia scarseggiano sia in termini di quantità, ma soprattutto di qualità. E ancora gli shooting, i workshop per talentuosi fotografi di moda, make up artist, fashion editor diretti da un’inarrestabile Alessandra Cuttaia, Fashion Production Coordinator dell’Agenzia Castdiva che ha sedi in ogni dove, da Milano a Catania, e che si conferma come una delle migliori realtà siciliane ben radicate sul territorio che ogni anno “arruola” Modelle e Modelli da proporre a sfilate ed eventi di alto livello. Il Madeinmedi, giunto alla sua sesta edizione, ideato da Marco Aloisi e patrocinato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, è stato inaugurato il 4 Giugno con le mostre “Maghreb”, impiantata in una tenda berbera che ha ricreato un’isola araba; “Sudesign”, concorso per la creatività mediterranea voluto dall’architetto Alfio Cicala e “Percorsi Barocchi nell’arte della Moda” di Gabriella Ferrara. Il 5 Giugno invece è stata la volta di una sfilata libica, una cerimonia d’apertura coi fiocchi. Per l’8 Giugno è prevista una sfilata delle creazioni degli studenti dell’Harim Accademia Euromediterranea ed i Fashion Designer della Sood Generation. Sabato 9 Giugno gli stilisti internazionali domineranno la passerella del Madeinmedi: talenti provenienti dalla Spagna ad Instabul, da Bucharest a Londra. “Il Madeinmedi quest’anno ha scelto Noto e la sua arte barocca – ha dichiarato Marco Aloisi producer dell’evento - perché vuole diventare itinerante per fare incontrare la tradizione e l’innovazione: l’arte di una prestigiosa location con la sperimentazione stilistica di giovani designer del Mediterraneo”.” Una scelta coraggiosa – continua Aloisi - perché smentisce il pregiudizio, purtroppo diffuso, secondo il quale il comparto della moda e del design non può svilupparsi ad alti livelli in quest’area. Il Madeinmedi è la dimostrazione visibile che in Sicilia e più in generale nell’area euro mediterranea nascono straordinari talenti.

Fabio Giuffrida

L’Internet Society ha comunicato al mondo intero con lo slogan “QUESTA VOLTA facciamo sul serio” che da oggi è ufficiale il passaggio al IPv6, ovvero all’Internet Protocol version 6. Un momento storico se si pensa che fino a ieri veniva ancora utilizzato l’IPv4, cioè il protocollo che ha permesso il funzionamento della rete a partire dagli anni ’80.

Oggi, mercoledì 6 giugno, è infatti il World IPv6 Launch. Il giorno in cui Facebook, Google, Yahoo, Youtube e altri 2600 siti adatteranno i propri server in modo tale da consentire il funzionamento con il nuovo protocollo.

L’iniziativa in realtà non è nuova, già un anno fa i siti aderenti avevano abilitato i loro server al nuovo protocollo, ma solo per un giorno. Questa volta invece l’abilitazione sarà permanente.

Dal punto di vista dell’utente non cambia nulla: i siti supporteranno comunque le vecchie connessioni attraverso una configurazione chiamata “dual stack” che, qualora un pc non supportasse IPv6, renderà disponibili le informazioni attraverso il vecchio protocollo.

Ad oggi quasi nessuno è in grado di utilizzare IPv6, i dati forniti da una ricerca effettuata da Google mostrano come solo lo 0.6% degli utenti navighi oggi con questa modalità. In Italia, da sempre indietro rispetto a Nord America e gran parte dell’Europa, il tasso di diffusione della nuova tecnologia è addirittura dello 0.01%

Delia Barzotti

Per le imprese italiane, specie quelle piccole e medie, la crisi sta diventando sempre più difficile da arginare.

Ciononostante, grazie a numerosi programmi della Commissione Europea, attraverso una cooperazione internazionale sia commerciale che tecnologica è possibile limitare i danni della crisi economica mondiale facendo sistema.

La rete Enterprise Europe Network Italia, creata il 1° gennaio 2008, supporta gratuitamente le PMI a sviluppare il loro potenziale e le rispettive capacità innovatrici e imprenditoriali.

Per il Sud Italia il consorzio di riferimento è BRIDG€conomies ed a Palermo i punti di riferimento sono Confindustria Sicilia ed il consorzio Arca, incubatore dell’Università degli Studi di Palermo.

Sicilia Domani intende dare supporto alle attività della rete e per tale motivo, dal mese di giugno è possibile consultare gratuitamente le offerte e richieste commerciali o tecnologiche provenienti da 51 paesi (27 europei e 23 extra UE).

Uno strumento unico che permette anche di pubblicare il proprio profilo tecnologico e commerciale gratuitamente, mettendo a disposizione il proprio know how

Attraverso un’apposita sezione del portale “L’Europa per le Imprese” sarà possibile consultare settimanalmente gli annunci di cooperazione.

Per informazioni è possibile contattare Confindustria Sicilia all’indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. o telefonando al numero 091 581100

Delia Barzotti

- ID Profile 20120430004


Un’azienda polacca, specializzata nella produzione di lampade in vetro, lampioni di plastica e cornici in paraffina, richiede servizi di intermediazione commerciale e offre servizi di subappalto/outsourcing. L’azienda ricerca inoltre fornitori di materiali per la produzione di candele

- ID Profile 20120416021


Un’azienda inglese specializzata nella produzione di pitture naturali ecologiche per la decorazione richiede e offre servizi di intermediazione commerciale per la distribuzione nel Regno Unito di prodotti ecologici per la decorazione, in particolare per la verniciatura e la rifinitura di eco-legno.

 

- ID Profile 20120328042

Un’azienda armena specializzata nella produzione di scarpe da donna, uomo e bambino nonché custodie di pelle per cellulari, ricerca ed offre servizi di intermediazione commerciale, joint venture e di produzione reciproca per l’avvio di una nuova linea di prodotti.

 

- ID Profile 20110427056

Un’azienda spagnola specializzata nella produzione di apparecchiature tecniche per laboratori e distributrice di articoli per laboratori, ricerca servizi di intermediazione commerciale e si offre quale distributore in Spagna di prodotti similari.

 

- ID Profile 20120404047

Azienda russa specializzata nella produzione e vendita di parti ed accessori per motori di autoveicoli richiede ed offre servizi di intermediazione commerciale.

 Per saperne di più contattare Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

A Palazzo Ziino, in una sala conferenze affollatissima, è stato presentato oggi il Palermo pride 2012, con un programma ricco di appuntamenti e di iniziative.

Presenti alla conferenza stampa l'assessore alla cultura Francesco Giambrone, l'assessore alle politiche sociali Agnese Ciulla, i 4 portavoce del pride (Giulia de Spuches, Sofia Gangi, Valerio Angelini e Massimo Milani), il curatore della mostra Francesco Pantaleone, l'artista Stefania Galegati Shines.

Gli assessori hanno ribadito la disponibilità del Comune per la realizzazione del pride e la vicinanza della nuova amministrazione alla comunità LGBT cittadina ed alle sue istanze.

In un successivo comunicato hanno poi ribadito “Riteniamo fondamentale che l’Amministrazione esprima la propria partecipazione ad un evento che negli anni non solo ha mantenuto vivi la visibilità e l’orgoglio di una comunità, ma ha rappresentato un punto di incontro e confronto sul tema dei diritti di cittadinanza e della partecipazione, che ha mantenuto viva la città mentre l’Amministrazione comunale faceva di tutto per annientarla.”

“A questi cittadini e cittadine che hanno lavorato incessantemente per la qualità della vita nella nostra città deve andare il ringraziamento di tutti noi, nella certezza che sapremo trovare insieme strumenti e modalità per collaborare in modo proficuo.”

Massimo Milani, portavoce del pride nonché co-fondatore del primo circolo Arcigay italiano, ha dichiarato: "il Palermo pride è la casa di tutti i diritti non riconosciuti, e Palermo in questo è all'avanguardia. è una realtà fondamentale per questa città, e coinvolge tutta la città. In quei giorni c'è un'emozione, un'energia meravigliosa. Ed è un'arcipelago di tante identità, anche delle identità delle trans che mostrano il proprio corpo, negato e deriso ogni giorno." "Vorrei fare una dedica - ha continuato Massimo Milani - dopo 20 anni da quelle tragedie orrende che ci hanno deturpato, vorrei dedicare questo pride a Falcone, Borsellino e a tutti gli uomini e le donne che sono morti con loro.

L’edizione 2012 presenta molti elementi di continuità e alcune novità rispetto alle edizioni precedenti.

Tra gli elementi di continuità, la capacità di “fare rete”, di collaborare e comunicare con la città, facendone emergere differenti istanze e realtà, oltre a eccellenze artistiche; la ricchezza del programma, che prevede decine di eventi (incontri, spettacoli, concerti, etc. etc.) che precedono e seguono la parata del 23 giugno.

Tra le novità del 2012, la collaborazione con Addiopizzo; l’attenzione ai temi di partecipazione, democrazia “dal basso”, cittadinanza, periferie (geografiche, sociali, culturali); il rapporto con l’arte contemporanea; la realizzazione, per la prima volta in Sicilia, di un village, una struttura multifunzionale che ospiterà tutti gli eventi della settimana del pride.

&;Il Palermo pride 2012 ha ottenuto il patrocinio della Provincia Regionale di Palermo, dell’Università di Palermo e del Comune di Palermo.

Dopo 3 mesi di eventi (feste, incontri, rassegne di film, aperitivi, etc.), il Palermo pride 2012 avrà inizio ufficialmente con l’inaugurazione della settimana del pride sabato 16 giugno al pride village, presso villa Pantelleria.

Gli eventi procederanno fino al 23 giugno, giorno della parata, la pride parade che è il momento culminante dell’intera manifestazione

Il calendario completo, e la descrizione dettagliata dei singoli eventi, saranno disponibili nel sito www.palermopride.it, e verrà presentato durante una conferenza stampa successiva.

Tra gli eventi programmati segnaliamo:

 • 16 giugno Sabato: ore 18.00: Letteratura: Walter Siti presenta “Triks” di Renaud Camus ed. Textus e “Resistere non serve a niente” ed. Rizzoli. Introduce Alessadro Grilli – Università di Pisa

• ore 19.30: Arte Contemporanea: inaugurazione mostra “Cu avi lingua passa u mari - Whoever has the language crosses the seas” a cura di Francesco Pantaleone. Artisti: Stefano Arienti, Stefania Galegati Shines, Julian Goethe, Alice Guareschi,Domenico Mangano, Liliana Moro, Francesco Simeti

• Ore 21.15/23.00 Poesia: Lello Voce e la piccola orchestra di cucina cannibale. “La Bellezza e la Rovina per il Palermo Pride”. A cura di Patrizia Stagnitta

• 17 Giugno (domenica): ore 19.30 Teatro: Compagnia Sud Costa Occidentale

LA BELLA ROSASPINA

ADDORMENTATA – studio N.1

di Emma Dante con Gabriella D’Anci, Costanza Minafra, Rosanna Savoia

• 18 Giugno (lunedi):

ore 18.00/19.30 Dibattito sul "Diversity Management"

interverranno: Responsabile Marketing Ikea, responsabile di Parks e attori economici locali.

• 20 Giugno (mercoledì) Ore 21.15 Teatro: “Dio non è grande?Testo di Vincenzo Musso. Regia di Ugo Giacomazzi

Interpreti: Antonio Lo Bue e Vincenzo Musso

• 21 Giugno (giovedì): Ore 17.00 Iniziativa politica su Enti Locali e politiche e pratiche per la piena cittadinanza delle persone LGBT

• 22 Giugno (venerdi): Ore 17: Dibattito: Politiche locali e Identità di Genere: le buone prassi nella Pubblica Amministrazione

Sono inoltre previsti dj set e concerti di gruppi e di artisti locali, tra cui Gianni Gebbia.

Testimonial: Alessandro Cecchi Paone

Campagna di comunicazione: Stefania Galegati Shines, che ha realizzato degli scatti che verranno utilizzati per i manifesti del pride ed esposti nella mostra “Cu avi lingua passa u mari”

Il Palermo Pride 2012 si avvale della collaborazione attiva di molti artisti di fama internazionale, dalla collettiva curata da Francesco Pantalone che verrà presentata presso il Village e successivamente ospitata dalla Fondazione Sambuca alla scelta di un artista per la comunicazione visiva.

Stefania Galegati Shines è un’affermata artista middle career, che ha prestato il suo occhio attento e tagliente per una campagna di comunicazione del Pride che pur parlando di periferie, lo fa con la sensibilità di un artista ironica e raffinata.

Stefania Galegati ha avuto importanti mostre personali come quella del Macro di Roma nel 2005 o più recentemente alla GAM di Palermo nel 2011, o partecipazioni a collettive come Visa for thirteen al PS1 Contemporary Art Center, a MoMa affiliate, New York.

COMPETITIVITA’ E NNOVAZIONE

Etichettatura e marcatura dei prodotti agroalimentari

Consorzio ARCA - Viale delle Scienze, Edificio 16 - Palermo

15 giugno 2012

Il Consorzio ARCA, Confindustria Sicilia e Mondimpresa, partner della rete Enterprise Europe Network, organizzano l’incontro “Competitività e innovazione - Etichettatura e marcatura dei prodotti agroalimentari” con l’obiettivo di approfondire le tematiche legate alle nuove disposizioni introdotte in materia di etichettatura. Nel corso dell’incontro, inoltre, gli operatori potranno usufruire dei servizi offerti da Enterprise Europe Network in materia di etichettatura, internazionalizzazione e innovazione tecnologica.

 

Gli argomenti trattati saranno i seguenti:

 

- L’etichettatura alimentare: gli obblighi connessi alla nuova regolamentazione comunitaria;

- Le novità in particolare su: etichettatura nutrizionale, allergeni, origine del prodotto, divieto di indicazioni fuorvianti per il consumatore, leggibilità delle etichette, scadenza degli alimenti;

- Come prepararsi all’entrata in vigore delle nuove disposizioni;

- I servizi per l’innovazione e la competitività.


La scheda di adesione va fatta pervenire compilata al fax 06/77713409 o via mail all'indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. entro e non oltre l'11 giugno 2012



Per saperne di più è possibile scaricare l'allegato cliccando nel link sotto riportato.

 

Il tempo della prova costume ormai è alle porte, e a poco servono le diete drastiche o esercizi fisici estremi dell’ultimo momento: chi è fuori è fuori, chi è dentro è dentro! O meglio, c’è chi è fortunata a ritrovarsi un fisico bello e asciutto, e chi deve fare i conti con i chili di troppo, la pelle poco rassodata e così via. Ma a pensarci bene, i chili di troppo costituiscono davvero un problema tale da portare a numerose donne complessi e persino seri disturbi alimentari?Un fisico non magro è davvero così brutto da guardare?In realtà qualche secolo fa la si pensava in maniera completamente diversa: non soltanto i chili di troppo, ma addirittura l’essere piuttosto abbondanti risultava molto più gradito agli uomini di un fisico magro. E per “abbondanza” non intendo soltanto il seno, ma soprattutto la zona dell’addome e delle cosce. E questo perché la prosperità era sinonimo di fertilità, buona salute, ma soprattutto (udite udite!) di sensualità. In parole povere: le modelle di oggi in passato sarebbero quasi totalmente passate inosservate. Si guardino i dipinti di alcuni tra i più importanti artisti della storia: le donne di Leonardo, Michelangelo e Tiziano non erano per niente esili!Ma a quanto pare ultimamente qualcosa si sta muovendo: sono sempre di più le modelle dalla taglia ben superiore alla 42,ad esempio basti guardare alcune copertine di Vogue, che mostrano sempre più spesso modelle sì bellissime ma chiaramente in sovrappeso rispetto ai canoni di bellezza moderni. Per non parlare dei casi di modelle che, diventate troppo magre,vengono licenziate,come quello avvenuto appena qualche giorno fa, dell’australiana Ricki Lee Coulter, colpevole di essere passata da una taglia 48 (che certo le stava divinamente),alla 40. Ma in fondo si deve davvero parlare di canoni? In verità non bisognerebbe porre l’accento sul concetto bellezza, troppo standardizzato, quanto sull’armonia e il sentirsi bene con se stesse…che è la prima regola per piacere agli altri!

 Anna Rita Bellosguardo

«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»
Pagina 3 di 12
bottomForum
bottomgiornalisti
bottomFacebook